Venerdì il Tesoro comunicherà la cedola reale, che sarà cruciale per valutare l’effettiva convenienza della nuova emissione rispetto agli altri BTP Italia presenti sul mercato. Considerate le attuali condizioni di mercato, e assumendo un livello di arbitraggio (differenza tra il rendimento ad inflazione attesa del linker ed il titolo a tasso fisso con scadenza equivalente) in linea con gli altri titoli legati all’inflazione italiana, ci possiamo attendere una cedola reale tra lo 0.5%-0.55%.

(05 09 18) – Nuovo BTP Italia 2026