CSR

La CSR (Corporate Social Responsibility), in italiano RSI Responsabilità Sociale d’Impresa, è entrata formalmente nell’agenda dell’Unione Europea a partire dal Consiglio Europeo di Lisbona del marzo 2000, dove è stata considerata come uno degli strumenti strategici per realizzare una società più competitiva e socialmente coesa e per modernizzare e rafforzare il modello sociale europeo. Nel Libro Verde della Commissione Europea, edito nel 2001, la responsabilità sociale è definita come: “L’integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali e ambientali delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei rapporti con le parti interessate”. La CSR va oltre il rispetto delle prescrizioni di legge e individua pratiche e comportamenti che un’impresa adotta su base volontaria, nella convinzione di ottenere dei risultati che possano arrecare benefici e vantaggi a se stessa ed al contesto in cui opera (Fonte: UNIONCAMERE).

– Marzotto SIM crede in uno stile di gestione improntato a un costante senso di eticità negli affari, nella trasparenza e correttezza.

– Nell’ambito del CSR Marzotto SIM promuove dialogo, rispetto e sostegno; ciò significa credere in valori forti e condivisi, significa ampliare la visione dell’attività aziendale verso importanti orizzonti di responsabilità sociale d’impresa per contribuire a uno sviluppo economico e sociale in una società civile globale che dovrebbe essere senza più confini e disuguaglianze.

– Marzotto SIM riconosce nell’infanzia la promessa per un futuro migliore, una opportunità per un avvenire sostenibile ed equo per persone e popoli.

– In quest’ottica Marzotto SIM sostiene il lavoro dell’Associazione Onlus PYARI che dal 2007 è impegnata in India con progetti educativi e sociali con una particolare attenzione per i bambini senza protezione e le donne indigenti.

Pyari Onlus promuove progetti sociali sostenibili nel tempo, capaci di favorire la crescita delle comunità più povere affinché possano affrontare autonomamente le emergenze sociali quali la migrazione, la violenza e il traffico di minori; migliorare le condizioni igienico-sanitarie, la malnutrizione, l’estrema povertà e l’educazione.

Obiettivi primari sono:

  • Protezione dell’infanzia: salvare e curare giovani vittime di abuso e schiavitù seguendo un programma sociale capace di prevenire l’azione dei trafficanti di minori e di riabilitare i bambini,
  • Women Empowerment: creazione di generatori di reddito e di crescita sociale per donne indigenti,
  • Salute, nutrizione ed educazione per donne e bambini svantaggiati.